Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta), vol. 1 cover

Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta), vol. 1

Francesco Petrarca (1304-1374)

1. 001 - Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
2. 002 - Per fare una leggiadra sua vendetta
3. 003 - Era il giorno ch’al sol si scoloraro
4. 004 - Que’ ch’infinita providentia et arte
5. 005 - Quando io movo i sospiri a chiamar voi,
6. 006 - Sí travïato è ’l folle mi’ desio
7. 007 - La gola e ’l somno et l’otïose piume
8. 008 - A pie’ de’ colli ove la bella vesta
9. 009 - Quando ’l pianeta che distingue l’ore
10. 010 - Glorïosa columna in cui s’appoggia
11. 011 - Lassare il velo o per sole o per ombra,
12. 012 - Se la mia vita da l’aspro tormento
13. 013 - Quando fra l’altre donne ad ora ad ora
14. 014 - Occhi miei lassi, mentre ch’io vi giro
15. 015 - Io mi rivolgo indietro a ciascun passo
16. 016 - Movesi il vecchierel canuto et biancho
17. 017 - Piovonmi amare lagrime dal viso
18. 018 - Quand’io son tutto vòlto in quella parte
19. 019 - Son animali al mondo de sí altera
20. 020 - Vergognando talor ch’ancor si taccia
21. 021 - Mille fïate, o dolce mia guerrera
22. 022 - A qualunque animale alberga in terra
23. 023 - Nel dolce tempo de la prima etade
24. 024 - Se l’onorata fronde che prescrive
25. 025 - Amor piangeva, et io con lui talvolta
26. 026 - Piú di me lieta non si vede a terra
27. 027 - Il successor di Karlo, che la chioma
28. 028 - O aspectata in ciel beata et bella
29. 029 - Verdi panni, sanguigni, oscuri o persi
30. 030 - Giovene donna sotto un verde lauro
31. 031 - Questa anima gentil che si diparte
32. 032 - Quanto piú m’avicino al giorno extremo
33. 033 - Già fiammeggiava l’amorosa stella
34. 034 - Apollo, s’anchor vive il bel desio
35. 035 - Solo et pensoso i piú deserti campi
36. 036 - S’io credesse per morte essere scarco
37. 037 - Sí è debile il filo a cui s’attene
38. 038 - Orso, e’ non furon mai fiumi né stagni
39. 039 - Io temo sí de’ begli occhi l’assalto
40. 040 - S’Amore o Morte non dà qualche stroppio
41. 041 - Quando dal proprio sito si rimove
42. 042 - Ma poi che ’l dolce riso humile et piano
43. 043 - Il figliuol di Latona avea già nove
44. 044 - Que’che ’n Tesaglia ebbe le man’ sí pronte
45. 045 - Il mio adversario in cui veder solete
46. 046 - L’oro et le perle e i fior’ vermigli e i bianchi
47. 047 - Io sentia dentr’al cor già venir meno
48. 048 - Se mai foco per foco non si spense
49. 049 - Perch’io t’abbia guardato di menzogna
50. 050 - Ne la stagion che ’l ciel rapido inchina
51. 051 . Poco era ad appressarsi agli occhi miei
52. 052 - Non al suo amante piú Dïana piacque
53. 053 - Spirto gentil, che quelle membra reggi
54. 054 - Perch’al viso d’Amor portava insegna
55. 055 - Quel foco ch’i’ pensai che fosse spento
56. 056 - Se col cieco desir che ’l cor distrugge
57. 057 - Mie venture al venir son tarde et pigre
58. 058 - La guancia che fu già piangendo stancha
59. 059 - Perché quel che mi trasse ad amar prima
60. 060 - L'arbor gentil che forte amai molt'anni
61. 061 - Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno
62. 062 - Padre del ciel, dopo i perduti giorni
63. 063 - Volgendo gli occhi al mio novo colore
64. 064 - Se voi poteste per turbati segni
65. 065 - Lasso, che mal accorto fui da prima
66. 066 - L'aere gravato, et l'importuna nebbia
67. 067 - Del mar Tirreno a la sinistra riva
68. 068 - L’aspetto sacro de la terra vostra
69. 069 - Ben sapeva io che natural consiglio
70. 070 - Lasso me, ch’i’ non so in qual parte pieghi
71. 071 - Perché la vita è breve
72. 072 - Gentil mia donna, i' veggio
73. 073 - Poi che per mio destino
74. 074 - Io son già stanco di pensar sí come
75. 075 - I begli occhi ond’i’ fui percosso in guisa
76. 076 - Amor con sue promesse lusingando
77. 077 - Per mirar Policleto a prova fiso
78. 078 - Quando giunse a Simon l’alto concetto
79. 079 - S’al principio risponde il fine e ’l mezzo
80. 080 - Chi è fermato di menar sua vita
81. 081 - Io son sí stanco sotto 'l fascio antico
82. 082 - Io non fu’ d’amar voi lassato unquancho,
83. 083 - Se bianche non son prima ambe le tempie
84. 084 - Occhi piangete: accompagnate il core
85. 085 - Io amai sempre, et amo forte anchora
86. 086 - Io avrò sempre in odio la fenestra
87. 087 - Sí tosto come aven che l'arco scocchi
88. 088 - Poi che mia speme è lunga a venir troppo
89. 089 - Fuggendo la pregione ove Amor m’ebbe
90. 090 - Erano i capei d’oro a l’aura sparsi
91. 091 - La bella donna che cotanto amavi
92. 092 - Piangete, donne, et con voi pianga Amore
93. 093 - Più volte Amor m’avea già detto: Scrivi
94. 094 - Quando giugne per gli occhi al cor profondo
95. 095 - Così potess’io ben chiudere in versi
96. 096 - Io son de l’aspectar omai sí vinto
97. 097 - Ahi, bella libertà, come tu m’ài
98. 098 - Orso, al vostro destrier si pò ben porre
99. 099 - Poi che voi et io piú volte abbiam provato
100. 100 - Quella fenestra ove l’un sol si vede
101. 101 - Lasso, ben so che dolorose prede
102. 102 - Cesare, poi che ’l traditor d’Egitto
103. 103 - Vinse Hanibàl, et non seppe usar poi
104. 104 - L’aspectata vertù, che ’n voi fioriva
105. 105 - Mai non vo’ piú cantar com’io soleva
106. 106 - Nova angeletta sovra l’ale accorta
107. 107 - Non veggio ove scampar mi possa omai
108. 108 - Aventuroso piú d’altro terreno
109. 109 - Lasso, quante fïate Amor m’assale
110. 110 - Persequendomi Amor al luogo usato
111. 111 - La donna che ’l mio cor nel viso porta
112. 112 - Sennuccio, i’ vo’ che sapi in qual manera
113. 113 - Qui dove mezzo son, Sennuccio mio
114. 114 - De l’empia Babilonia, ond’è fuggita
115. 115 - In mezzo di duo amanti honesta altera
116. 116 - Pien di quella ineffabile dolcezza
117. 117 - Se 'l sasso, ond'è piú chiusa questa valle
118. 118 - Rimansi a dietro il sestodecimo anno
119. 119 - Una donna piú bella assai che ’l sole
120. 120 - Quelle pietose rime in ch'io m'accorsi
121. 121 - Or vedi, Amor, che giovenetta donna
122. 122 - Dicesette anni à già rivolto il cielo
123. 123 - Quel vago impallidir che ’l dolce riso
124. 124 - Amor, Fortuna et la mia mente, schiva
125. 125 - Se 'l pensier che mi strugge
126. 126 - Chiare, fresche et dolci acque
127. 127 - In quella parte dove Amor mi sprona
128. 128 - Italia mia, benché ’l parlar sia indarno
129. 129 - Di pensier in pensier, di monte in monte
130. 130 - Poi che ’l camin m’è chiuso di Mercede
131. 131 - Io canterei d’amor sí novamente
132. 132 - S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento?
133. 133 - Amor m’à posto come segno a strale
134. 134 - Pace non trovo, et non ò da far guerra
135. 135 - Qual piú diversa et nova
136. 136 - Fiamma dal ciel su le tue treccie piova
137. 137 - L'avara Babilonia à colmo il sacco
138. 138 - Fontana di dolore, albergo d'ira
139. 139 - Quanto piú disïose l'ali spando
140. 140 - Amor, che nel penser mio vive et regna
141. 141 - Come talora al caldo tempo sòle
142. 142 - A la dolce ombra de le belle frondi
143. 143 - Quand'io v'odo parlar sí dolcemente
144. 144 - Né così bello il sol già mai levarsi
145. 145 - Ponmi ove ’l sole occide i fiori et l’erba
146. 146 - O d’ardente vertute ornata et calda
147. 147 - Quando 'l voler che con duo sproni ardenti
148. 148 - Non Tesin, Po, Varo, Arno, Adige et Tebro
149. 149 - Di tempo in tempo mi si fa men dura
150. 150 - Che fai alma? che pensi? avrem mai pace?
151. 151 - Non d'atra et tempestosa onda marina
152. 152 - Questa humil fera, un cor di tigre o d’orsa
153. 153 - Ite, caldi sospiri, al freddo core
154. 154 - Le stelle, il cielo et gli elementi a prova
155. 155 - Non fur ma’ Giove et Cesare sí mossi
156. 156 - I' vidi in terra angelici costumi
157. 157 - Quel sempre acerbo et honorato giorno
158. 158 - Ove ch'i' posi gli occhi lassi o giri
159. 159 - In qual parte del ciel, in quale ydea
160. 160 - Amor et io sí pien' di meraviglia
161. 161 - O passi sparsi, o pensier' vaghi et pronti
162. 162 - Lieti fiori et felici, et ben nate herbe
163. 163 - Amor, che vedi ogni pensero aperto
164. 164 - Or che 'l ciel et la terra e 'l vento tace
165. 165 - Come 'l candido pie' per l'erba fresca
166. 166 - S'i' fussi stato fermo a la spelunca
167. 167 - Quando Amor i belli occhi a terra inchina
168. 168 - Amor mi manda quel dolce pensero
169. 169 - Pien d'un vago penser che me desvia
170. 170 - Piú volte già dal bel sembiante humano
171. 171 - Giunto m'à Amor fra belle et crude braccia
172. 172 - O Invidia nimica di vertute
173. 173 - Mirando 'l sol de' begli occhi sereno
174. 174 - Fera stella (se 'l cielo à forza in noi
175. 175 - Quando mi vène inanzi il tempo e 'l loco
176. 176 - Per mezz'i boschi inhospiti et selvaggi
177. 177 - Mille piagge in un giorno et mille rivi
178. 178 - Amor mi sprona in un tempo et affrena
179. 179 - Geri, quando talor meco s'adira
180. 180 - Po, ben puo' tu portartene la scorza
181. 181 - Amor fra l'erbe una leggiadra rete
182. 182 - Amor, che 'ncende il cor d'ardente zelo
183. 183 - Se 'l dolce sguardo di costei m'ancide

(*) Your listen progress will be continuously saved. Just bookmark and come back to this page and continue where you left off.

Genres

Summary

Il Canzoniere di Francesco Petrarca è stata una grande "rivoluzione" nella letteratura europea in volgare: è il primo caso di canzoniere stricto sensu, cioè una raccolta organica di liriche "costruita" dall'autore in una prospettiva di unitarietà. E in effetti Petrarca, nonostante la intitolasse Rerum vulgarium fragmenta ("Frammenti di cose volgari"; il titolo "Canzoniere" verrà attribuito solo nel XVI sec.), ha scrupolosamente curato per tutta la vita la realizzazione di quest'opera, selezionando, limando, cambiando la disposizione dei componimenti, di cui persino il numero (366) ha un valore strutturale: i giorni dell'anno più un proemio, o dell'anno bisestile in cui era morta la donna amata (1348). Naturalmente, fiumi di inchiostro sono stati versati per analizzare quest'opera la cui influenza sulla letteratura europea è stata così "fenomenale" da meritare un termine ad hoc: "Petrarchismo". Ci basti dire qui che il Canzoniere, cantando - col linguaggio più melodico di tutta la lirica italiana - l'amore per un'unica donna, esprime magnificamente il sentimento del tempo. (Sergio Baldelli)